Dario Accolla, “Omofobia, bullismo e linguaggio giovanile” (2 luglio ore 18.30 cortile CGIL)

Copertina

Giorno 2 luglio alle 18.30 al cortile della CGIL (via Crociferi, 40) presentazione del libro del dott. Dario Accolla Omofobia, bullismo e linguaggio giovanile Villaggio Maori Edizioni con Tiziana Biondi (presidente Stonewall Siracusa), Graziella Priulla (Ordinaria di Sociologia della Comunicazione), Bianca Mascolino (Queer as Unict) e Alessandro Motta (presidente Arcigay Catania). Seguirà dibattito con l’autore.

Sempre più spesso la cronaca porta alla luce episodi di violenza tra pari che risulta difficile far rientrare nella generica definizione di bullismo; essi richiedono un approfondimento, poiché chiamano in causa un fenomeno largamente diffuso tra gli adolescenti, ma del quale difficilmente si parla. Il bullismo omofobico può essere definito come “quei comportamenti violenti a causa dei quali un alunno o un’alunna viene esposto ripetutamente ad esclusione, isolamento, minaccia, insulti e aggressioni da parte del gruppo dei pari, di una o più persone che stanno nel suo ambiente più vicino, in una relazione asimmetrica di potere, dove gli aggressori o “bulli” si servono dell’omofobia, del sessismo, e dei valori associati all’eterosessismo. La vittima sarà squalificata e de-umanizzata, e in generale, non potrà uscir fuori da sola da questa situazione, in cui possono trovarsi tanto i giovani gay, lesbiche, transessuali o bisessuali, ma anche qualunque persona che sia recepita o rappresentata fuori dai modelli di genere normativi” (Platero e Gomes, 2007).

Annunci